giovedì 23 gennaio 2014

Tartare alla nizzarda

Questa sera Masterchef!Per cui ci vuole una ricetta seria, complessa e di grande effetto! Una tartare. E voi mi direte? Cosa ha di complesso e di grande effetto la tartare? Il suo condimento. Questa ricetta è di ispirazione ad una ricetta dello Chef Andrea Aprea. Non è altro che un semplice battuto di manzo scelto accompagnato da una insalatina nizzarda. La composizione completa il piatto e lo rende invitante e scenografico.


Ingredienti per due persone:

  • 300 gr di polpa scelta di manzo;
  • 2 bocconcini di mozzarella di bufala;
  • 6 filetti di acciuga;
  • 4 pomodorini pachino;
  • fagiolini verdi;
  • 2 patate piccole a pasta gialla;
  • 4 uova di quaglia;
  • senape di dijon;
  • olio EVO;
  • basilico tritato;
  • qualche goccia di limone;
  • sfoglie alle olive;
  • sale e pepe;
Prepariamo la nizzarda. Iniziamo con i fagiolini e le patate che hanno la cottura più lunga. Pelate le patate e tagliatele a cubettini. Ogni cubetto non dovrà essere più grande di 1 centimetro. Lavate bene le patate sotto acqua corrente fredda e infornatele a 180° con abbondante olio di oliva e lasciatele friggere in forno per 20- 30 minuti. Dovranno essere perfettamente rosolate e croccanti. L'idea di utilizzare delle patate fritte al posto delle patate lesse, tipiche della nizzarda e della ricetta a cui mi sono ispirato, renderà il piatto molto più interessante e aggiungerà una nota croccante. Lessate i fagiolini in acqua salata. Una volta scolati, conditeli con solo un filo di olio e pizzico di sale. Lessate le uova di quaglia. Per far diventare lesso un uovo di questo tipo, basteranno solo 2 minuti e mezzo dal momento in cui l'acqua comincia a bollire. Una volta tolte dal fuoco, passatele in acqua fredda in modo da sbucciarle poi meglio. Tagliatele in due sul lato lungo. Fate la stessa cosa con i pomodorini. Tagliateli sul lato più lungo in due parti e conditeli con olio, sale e volendo aceto balsamico. Infine create dei cerchietti con i filetti di acciuga e tagliate a cubetti la mozzarella di bufala. Prepariamo ora la carne. Prendete il battuto di manzo e condiamolo con sale, pepe, olio EVO e un bel cucchiaio di senape. Aggiungete a piacere del basilico tritato.
Servite la tartare aiutandovi con un coppapasta ampio in modo che la tartare sia alta non più di 2 centimetro. Decorate la tartare con gli ingredienti della nizzarda e qualche pezzo di sfoglia alle olive. Accompagnate il vostro piatto ad una Ribolla Gialla Volpe Pasini.

A questo piatto vorrei associare una canzone poco conosciuta ma che accomuna me e la mia amica Irene a cui ho preparato questa ricetta. Nell'attesa di vedere un suo concerto, ascoltiamo questo capolavoro del nuovo alternative Rock.

Anna Calvi - Desire 

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Pagina Facebook